Maquis è il nome in francese di un tipo di ristorante diffuso in tutta l’ Africa occidentale. Si tratta di luoghi popolari di incontro, scambio e svago. Generalmente non sono segnalati e non c’è nulla che identifica la loro funzione. E’ un po’ come stare a casa, sono luoghi familiari creati dalle mani esperte di cuochi. Si mangia e si beve mentre si ascoltano i racconti e si sorseggia il Karkadè.

Il Makì è la nuova versione meticciata , quella che offrono i rifugiati della città di Roma: un archivio culinario vivente di storie e cucine migranti.

È un progetto trasversale alle attività dell’Associazione Laboratorio 53 nato a Roma dall’incontro e la convivenza con migranti, richiedenti asilo e rifugiati fin dal 2009. Con sede alla Città dell’Utopia, il Makì propone assaggi culinari meticci dal mondo, nonchè catering, pranzi e cene mobili e buffet. I piatti ideati e proposti dai migranti mescolano diversi sapori e provenienze, per far scoprire sfumature e contaminazioni di gusti e storie da tutto il mondo. Un modo per incontrarsi, davanti ad un piatto fumante, senza confini, barriere e paure!

Leggi le news

Il progetto

Il progetto Makì è un’idea nata da un’esperienza concreta più che un progetto vero e proprio. Da quando Laboratorio 53 è nato, nel 2008, usavamo organizzare momenti pubblici di sensibilizzazione e incontro dove a condurre le attività erano direttamente i richiedenti asilo e rifugiati del gruppo di auto-mutuo-aiuto della nostra associazione. Così abbiamo fatto teatro, readings, musica e cucina. Ci siamo così accorti che alcuni rifugiati erano bravissimi a cucinare: andavamo insieme a Piazza Vittorio a far spesa, sceglievamo il menù da proporre, cucinavamo nei locali che ci ospitavano di volta in volta… e la cena era fatta! Con un po’ di pubblicità e diffusione informale i tavoli si riempivano di persone curiose e pronte a mangiare i nostri piatti provenienti da tutto il mondo.

Continua a leggere “Il progetto”

I cuochi

Per conoscerli tutti clicca qui

Ho vissuto 6 anni a Capoverde facendo il cuoco per grandi ristoranti, lì ho imparato a cucinare spagnolo e italiano oltre che senegalese, i piatti cucinati da mia madre. Amo viaggiare, ballare, giocare a calcio, ma soprattutto cucinare. E’ la mia passione oltre che professione. In Italia ho frequentato nuovi corsi per pizzaiolo e aiuto cuoco e ho scoperto i segreti dei piatti italiani. Fatemi cucinare e… mi fate felice! Per quante persone? Ditemelo voi, io son pronto a organizzarvi una cena gourmet in tutte le lingue… e per tutti i palati.

G., Senegal

Mi chiamo H., in arte Bidrohi. Non sto mai fermo, amo il movimento e fare mille cose insieme, sperimentare, provare il nuovo ed inventarlo. Nel mio paese facevo teatro di strada, beffavo i corrotti e criticato la finta democrazia; di certo non potevo stare simpatico al governo! Ora qui in Italia, rifugiato, continuo la mia vita ed il cibo è per me l’unione tra il vecchio e il nuovo, un misto tra sapori di cardamomo, riso basmati, curry, e pecorino, pasta e pizza. Ora che anche mia moglie mi ha raggiunto, non potete non venire ad assaggiare qualche mio piatto di biryani!

H., in arte Bidrohi Pakistan

News

Leggile tutte qui